3 segni che il tuo dipendente non sta svolgendo il proprio ruolo

3 segni che il tuo dipendente non sta svolgendo il proprio ruolo

3 segni che il tuo dipendente non sta svolgendo il proprio ruolo? Tutti hanno un momento nella loro vita in cui si chiedono se hanno bisogno o meno di un cambiamento di carriera.

Dall’assistente esecutivo all’amministratore delegato, la maggior parte delle persone che entrano dalla porta di un’azienda finirà per andarsene per un motivo o per l’altro.

Anche le società con i tassi di fidelizzazione più elevati alla fine perderanno alcuni dei loro migliori dipendenti.

Oggi, vogliamo esaminare come si fa a sapere se un dipendente sta svolgendo il proprio ruolo e come si può aiutarlo a crescere e svilupparsi in un nuovo ruolo nell’azienda oppure a trovare una soluzione comune.

Ma come puoi capire la differenza tra un dipendente che sta solo passando una brutta settimana o un breve periodo di disimpegno e qualcuno che ha superato il proprio ruolo ed è pronto per un cambiamento?

3 segni che il tuo dipendente non sta svolgendo il proprio ruolo.

Sono meno produttivi del solito

Sono meno produttivi del solito

Sentirsi come se non avessi spazio per crescere all’interno di un’azienda può essere soffocante.

Soprattutto agli obiettivi professionali che un dipendente può essersi prefissato per se stesso e per la propria carriera.

Se il lavoro che sta svolgendo il tuo dipendente diventa statico o ripetitivo, può solo trascorrere così tanto tempo in quel ruolo prima di essere demotivato o irrequieto.

Oltre ad essere meno produttivi, potresti notare che mancano le scadenze più spesso, inviano un lavoro scadente e hanno poca preoccupazione per nessuno dei due.

La noia cronica può essere una ragione per cui il tuo dipendente è meno produttivo.

La noia può essere un segno che hanno bisogno di qualcosa in più per coinvolgerli durante la giornata lavorativa.

Se un dipendente sta facendo le stesse cose che ha fatto per un po ‘di tempo o se non viene sfidato, questa è una causa comune per cui si sente come se avesse superato il proprio ruolo.

E se un dipendente sente di poter svolgere il proprio lavoro con poco sforzo o pensiero, inizia a diventare pigro e improduttivo.

Non prendono più l’iniziativa

Non prendono più l'iniziativa

Hai un dipendente che di solito offre sempre suggerimenti volontari, si assume dei rischi o avvia il cambiamento all’interno dell’azienda o del proprio team.

Sono uno dei tuoi giocatori di punta per aver escogitato soluzioni innovative.

Ma di recente, hai notato che si sono allontanati dal farlo e hanno iniziato a seguire i movimenti della loro lista di cose da fare, piuttosto che inventare nuove idee.

Considera questa una delle prime bandiere rosse.

I dipendenti che non prendono più l’iniziativa nel loro lavoro possono essere spiegati per motivi personali, un cambiamento di opinione nella loro posizione o una mancanza generale di motivazione.

Ma può anche simboleggiare un problema più profondo come lo spostamento delle priorità altrove rispetto alla tua azienda e il loro lavoro attuale.

Ciò può anche portare il tuo dipendente ad avere un programma irregolare.

O presentarsi in ritardo o non rispettare determinate scadenze e apparire ritirato o più tranquillo del solito.

Osservare questo comportamento e stimolare modi per stimolare il loro interesse potrebbe giovare alla situazione in anticipo, ma potrebbe anche sforzarlo o aggravarlo ulteriormente se notato troppo tardi.

Cattivo atteggiamento

Cattivo atteggiamento

Solo perché qualcuno è bravo nel proprio lavoro non significa che ami quello che fa.

I leader spesso commettono l’errore di presumere che una buona prestazione significhi che i loro dipendenti siano felici nei loro ruoli.

Sebbene non abbiano torto nel farlo, dovrebbero sempre scavare più a fondo per scoprire dove risiede veramente la passione di ogni persona.

Se hai parlato con il dipendente di quali sono i suoi obiettivi di carriera, di solito puoi farti una buona idea di come la tua azienda si allinea con i loro interessi e passioni.

La loro posizione attuale sembra in linea con questo?

I sentimenti di rabbia e frustrazione possono essere un altro segno sorprendente che un dipendente è pronto per una nuova sfida.

Come puoi incoraggiare la crescita dei dipendenti?

Come puoi incoraggiare la crescita dei dipendenti

Se un dipendente ti ha espresso il suo interesse a voler conoscere i modi in cui può crescere all’interno della tua azienda, allora è un buon segno che gli piace il suo ambiente e la cultura aziendale e spera di restare.

È tua responsabilità come datore di lavoro o manager assicurarti di agire in base a questa richiesta. Se si rendono conto della possibilità che non ci siano ulteriori opportunità, possono iniziare a cercare altrove aziende in grado di offrire una maggiore progressione nel loro campo di lavoro.

Le cose possono sempre cambiare, ma non è mai troppo tardi (o troppo presto) per i leader per iniziare a pianificare il futuro dei loro membri del team.

Se vuoi coltivare una cultura forte con dipendenti ad alte prestazioni, devi sempre stare un passo avanti a loro.

Ricorda, parte dell’essere un grande leader è essere un grande allenatore.

Cosa fare come ultima risorsa?

Cosa fare come ultima risorsa

Ora hai provato un sacco di percorsi diversi per mantenere il tuo dipendente coinvolto, mostrato loro i diversi modi in cui possono progredire nel loro ruolo e li hai aiutati a mappare esattamente come arrivarci.

Ma, sfortunatamente, questo non era abbastanza per questo particolare dipendente.

Mostrano ancora importanti segnali di disimpegno con la tua attività, insoddisfazione del loro ruolo e vogliono lasciare l’attività.

Questa è sempre una pillola difficile da ingoiare per qualsiasi attività commerciale.

Tuttavia, non deve essere tutto negativo.

Le dimissioni sono un’importante opportunità per qualsiasi azienda da cui imparare.

Assicurati di riflettere su ciò che la tua attività potrebbe aver sbagliato e su come potrebbe migliorare la prossima volta che scopri che un dipendente potrebbe essere troppo grande per il suo ruolo.

Ecco perché siamo così grandi sostenitori dei colloqui di uscita e dell’uscita dal tuo dipendente nel modo giusto: queste procedure ti danno una visione incredibile di ciò che è realmente accaduto.

È importante capire perché il talento rimane e cosa li spinge a lasciare la tua azienda in modo che tu possa imparare e crescere.

Sebbene ci siano una miriade di ragioni, potrebbero esserci fattori ricorrenti che puoi agire come azienda.

Alla fine, a volte non è colpa di nessuno, è solo il momento di cambiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.