farmacista chi è cosa fa

Farmacista: chi è e cosa fa

Il farmacista fornisce consigli e indicazioni sui farmaci ai pazienti e al personale medico. Il ruolo richiede una formazione continua per tenersi aggiornati su nuovi farmaci e trattamenti. Leggete la nostra descrizione del lavoro di farmacista per avere una panoramica di ciò che comporta il ruolo, compreso stipendio, skill richieste e mansioni.

Cosa fa un farmacista?

I farmacisti distribuiscono i farmaci prescritti ai pazienti su richiesta del medico. I farmacisti lavorano con i loro clienti per assicurarsi che sappiano come assumere in modo sicuro i farmaci prescritti. Inoltre, il farmacista funge anche da difensore della salute pubblica, fornendo un’educazione sanitaria di base e altri servizi di assistenza sanitaria generale.

I farmacisti lavorano in diversi contesti fornendo consigli sui farmaci. Le responsabilità quotidiane del farmacista dipendono dal settore in cui lavora.

Le mansioni tipiche includono:

  • dispensare i farmaci prescritti dai medici e da altri operatori sanitari
  • esaminare le prescrizioni per assicurarne l’accuratezza e valutarne l’idoneità per il paziente
  • fornire informazioni e consigli sui farmaci, sui loro effetti collaterali, sul corretto dosaggio e sulla loro corretta conservazione
  • fornire altri consigli sulla salute, come ad esempio indicazioni per smettere di fumare
  • tenere registri come quelli della farmacia, dei profili dei pazienti, dei sistemi di addebito, degli inventari e dei registri dei veleni, degli stupefacenti o dei farmaci controllati
  • pianificare, implementare e mantenere le procedure per la miscelazione, il confezionamento e l’etichettatura dei farmaci, al fine di garantire la conformità ai requisiti di legge
  • valutare l’identità, la forza o la purezza dei farmaci
  • collaborare con altri operatori sanitari per pianificare, monitorare, revisionare o valutare la qualità o l’efficacia dei farmaci
  • ordinare e acquistare forniture farmaceutiche, forniture mediche o farmaci
  • mantenere le scorte, conservarle e gestirle correttamente
  • analizzare le tendenze prescrittive per monitorare la compliance dei pazienti e per prevenire un uso eccessivo o interazioni dannose
  • consigliare i pazienti su marche di farmaci, attrezzature mediche o forniture sanitarie.

L’obiettivo del ruolo varia a seconda del tipo di organizzazione in cui si lavora.

I farmacisti ospedalieri sono responsabili dei test di qualità, della conservazione e della sicurezza di farmaci e medicinali negli ospedali. Inoltre, consigliano i medici e i pazienti sui farmaci più adatti e alcuni farmacisti ospedalieri possono rilasciare prescrizioni.

Il farmacista al dettaglio fornisce al pubblico farmaci prescritti e da banco nelle farmacie al dettaglio e negli ambulatori dei medici di base. Forniscono inoltre consigli ai clienti sull’uso sicuro dei farmaci e sui possibili effetti collaterali. I farmacisti di comunità monitorano anche le condizioni a lungo termine dei pazienti e forniscono consigli per mantenersi in salute, ad esempio possono offrire indicazioni e supporto per smettere di fumare.

I farmacisti industriali lavorano per le aziende farmaceutiche dove progettano, sviluppano e testano nuovi farmaci. Sono anche coinvolti nella commercializzazione dei farmaci.

Esistono anche opportunità di insegnare e fare ricerca in farmacia a livello universitario.

Stipendio del Farmacista

Se lavorate per una farmacia privata lo stipendio può arrivare fino a 32.000 euro.

Chi assume un farmacista

I farmacisti possono essere assunti da:

  • Aziende del Servizio Sanitario Nazionale
  • studi medici di base
  • ospedali privati
  • cliniche
  • catene di farmacie
  • farmacie indipendenti
  • farmacie di supermercati
  • aziende farmaceutiche
  • istituti scolastici.

Qualifiche e formazione richieste per essere farmacisti

Per ottenere la qualifica di farmacista sono necessari almeno cinque anni. Il primo passo è il conseguimento di una laurea magistrale in farmacia o CFT, superare l’esame di stato e iscriversi all’albo.

L’esperienza di lavoro non è essenziale, ma darà una spinta alla vostra candidatura e alle vostre competenze. Al di là dei tirocini in farmacia che potrete organizzare durante gli studi, qualsiasi esperienza di lavoro a contatto con i clienti o con il pubblico vi aiuterà a sviluppare le capacità relazionali e la capacità di destreggiarvi tra le priorità.

È possibile per un diplomato ottenere un apprendistato come tecnico di farmacia, il cui ruolo è quello di preparare le ricette sotto la supervisione di un farmacista. Tuttavia, non è possibile diventare farmacista senza una laurea in farmacia.

Competenze chiave per i farmacisti (Skill)

  • Eccellenti doti di comunicazione, compresa la capacità di comunicare con persone di tutte le fasce della comunità
  • Capacità analitiche
  • Capacità di pensare in modo critico
  • Forti capacità numeriche
  • Attenzione ai dettagli
  • Capacità di risolvere i problemi
  • Capacità di osservazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.