Modifiche al modo in cui i dipendenti possono incassare le ferie annuali

Se non l’hai già sentito, ci sono alcuni grandi cambiamenti dietro l’angolo per i lavoratori coperti dai premi feriali, che sono iniziati all’inizio di agosto 2016.

È importante sottolineare che ci sono alcuni grandi cambiamenti nel modo in cui i dipendenti possono incassarli annualmente.

Le modifiche sono più o meno le stesse per la maggior parte dei premi, tuttavia ci sono alcune differenze per alcuni premi specifici.

Ti consigliamo di rivedere le modifiche effettive apportate ai premi che si applicano al tuo posto di lavoro.

Questo potrebbe essere anche il momento per rivedere e aggiornare i tuoi contratti di lavoro e le politiche di congedo per assicurarti che siano legalmente conformi a seguito di questi cambiamenti e per assicurarti di poter adottare misure proattive per proteggerti in caso di future controversie sul posto di lavoro .

In linea di massima, le modifiche si applicano ai seguenti tre aspetti delle ferie annuali.

Congedo eccessivo

ferie annuali
Ora ci sono regole molto dettagliate nei premi in cui un lavoratore ha un numero eccessivo di ferie.
Per “congedo eccessivo” si intende più di 8 settimane di ferie annuali maturate.
È interessante notare che le nuove regole non si applicano solo quando un datore di lavoro ordina a un lavoratore di prendere un congedo, ma anche quando un lavoratore lo richiede.
Se un lavoratore ha maturato ferie eccessive e il suo datore di lavoro vuole indirizzarlo a prendere le ferie, il datore di lavoro deve conferire con il lavoratore e cercare sinceramente di raggiungere un accordo su come ridurre o eliminare l’eccessiva maturazione delle ferie.
Se non è possibile raggiungere un accordo, il datore di lavoro può ordinare al lavoratore di prendere ferie annuali, alle seguenti condizioni:
  • Il saldo residuo della maturazione del congedo del lavoratore non deve essere inferiore a 6 settimane. Quindi, se un lavoratore ha 8 settimane di ferie (il minimo per costituire un “congedo eccessivo”), il massimo che il datore di lavoro può ordinargli di prendere è di 2 settimane. Se avessero 10 settimane, sarebbero 4 settimane ecc.
  • Il datore di lavoro non può esigere dal lavoratore un periodo di ferie inferiore a una settimana
  • Il lavoratore deve ricevere un preavviso da 8 a 52 settimane di quando deve essere preso il congedo (né più, né meno).
  • Se tale indicazione viene data al lavoratore, il lavoratore può comunque richiedere di usufruire del congedo in altro modo (ad esempio un diverso importo del congedo o in un momento diverso – come un orario che si adatti alla sua preferenza per un accordo di vacanza ecc. ).
  • Se tale richiesta viene fatta, il datore di lavoro non deve rifiutarla irragionevolmente. Ciò che costituisce “irragionevole” dipenderà dalle circostanze.

Se un lavoratore ha un’eccessiva maturazione delle ferie (cioè oltre 8 settimane di ferie) e ha avuto questo equilibrio eccessivo per almeno 6 mesi, può conferire con il proprio datore di lavoro e cercare sinceramente di mettersi d’accordo su quando prendere le ferie.

In caso di mancato accordo, il lavoratore può obbligare il proprio datore di lavoro a concedergli un congedo, alle seguenti condizioni:

  • Il lavoratore deve comunque avere un saldo di almeno 6 settimane di ferie maturate dopo la fruizione del congedo
  • Il lavoratore non può richiedere di prendere più di 4 settimane di ferie in un periodo di 12 mesi
  • Il lavoratore non può prendere ferie per un periodo inferiore a una settimana
  • Il datore di lavoro deve ricevere un preavviso compreso tra le 8 e le 52 settimane da parte del lavoratore di quando verrà preso il congedo (né più né meno)

Nuove normative dal 2017

È importante sottolineare che queste nuove regole relative alle richieste dei lavoratori non entreranno in funzione fino ad agosto 2017 (mentre tutte le altre modifiche entreranno in vigore da agosto 2016)

Incassare le ferie annuali

congedo eccessivo

L’incasso delle ferie annuali è stato a lungo una caratteristica delle leggi federali sul lavoro.

Nell’attuale versione delle leggi, tuttavia, il prelievo è consentito solo per i lavoratori coperti dal premio se il loro premio lo consente specificamente. Fino ad ora, pochi premi moderni lo hanno fatto.

Ora le cose sono cambiate e le ferie possono essere incassate secondo le nuove regole, che consentono:

  • Riscossione delle ferie annuali con il vero accordo del lavoratore e del datore di lavoro
  • L’importo massimo delle ferie da incassare in un periodo di 12 mesi è di 2 settimane
  • Il lavoratore deve sempre mantenere un congedo di almeno 4 settimane dopo ogni incasso cash

Ferie annuali pagate in anticipo

ferie annuali estive

I premi ora consentono specificamente ai lavoratori di prendere le ferie annuali prima della maturazione, ma solo se il loro datore di lavoro è d’accordo.

Le modifiche chiariscono che se un lavoratore prende le ferie in anticipo ma non è tornato a un saldo positivo delle ferie entro la fine del rapporto di lavoro, il datore di lavoro può detrarre l’importo residuo dalla sua indennità di fine rapporto.

Conservazione dei registri e minori di 18 anni

È importante sottolineare che se una delle situazioni di cui sopra si verifica in un luogo di lavoro, il datore di lavoro ha l’obbligo di creare un registro che lo documenti e conservarlo come parte dei registri dei dipendenti.

In caso contrario, potrebbe essere applicata una multa.

I premi ora contengono moduli modello per la creazione di tali documenti, ma in caso di dubbi il nostro team legale può assistervi nella loro preparazione.

Segnaliamo inoltre che se una delle situazioni di cui sopra si verifica in un luogo di lavoro che coinvolge un lavoratore di età inferiore ai 18 anni, il datore di lavoro deve ottenere un accordo scritto dai genitori (e conservarlo anche come documento di lavoro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.