Cinque miti sul lavoro da casa

Cinque miti sul lavoro da casa

Ecco i cinque miti sul lavoro da casa che la maggior parte degli imprenditori credono sullo smart working..

La natura del lavoro è cambiata radicalmente e molti dipendenti ne sentono il peso.

I fortunati potranno lavorare a distanza, senza la necessità di prendere l’auto per andare a lavoro, il tram, il bus o un servizio di taxi come greenshuttleh24.com, ma alcune aziende spingono per il ritorno in azienda dei propri dipendententi.

Perché gli imprenditori vogliono che i dipendenti lavorino in azienda? Potrebbe avere qualcosa a che fare con uno di questi Cinque miti sul lavoro da casa.

Cinque miti sul lavoro da casa: i dipendenti non sono produttivi

I dipendenti non sono produttivi quando lavorano da casa

Dice chi? Questo è il più grande lavoro dai miti domestici e una parte enorme del motivo per cui è ancora visto in modo sfavorevole.

Il lavoro a distanza riduce i costi generali, l’83% dei dipendenti sarebbe più felice di lavorare da remoto e il 77% dei dipendenti che già lavora da casa crede di essere più produttivo rispetto a quando è in ufficio.

È una vittoria ovvia per i datori di lavoro, ma per ragioni sconosciute, molti credono ancora che il lavoro a distanza ridurrebbe la produttività, nonostante innumerevoli studi confermino il contrario.

Fino ad ora, non c’era motivo per i datori di lavoro di dissipare queste convinzioni obsolete, ma COVID-19 sta forzando la loro mano.

Anche se ci sarà un periodo di dentizione, quando uscirai dall’altra parte, questo mito sarà davvero smentito.

I team non possono vedere su cosa stanno lavorando gli altri

I team non possono vedere su cosa stanno lavorando gli altri

Non tutti i dipendenti hanno la fortuna di poter lavorare da remoto e anche coloro che lo sono non avranno automaticamente visibilità su ciò su cui stanno lavorando gli altri membri del team o team.

Lo stesso si può dire per i manager di lavoratori remoti, che potrebbero non sapere a cosa sta lavorando un dipendente.

Questo si riduce a due cose: comunicazione e fiducia.

Questi due sono una parte cruciale del puzzle del lavoro a distanza e sono necessari per smascherare quel lavoro comune dai miti domestici.

Ai manager è sempre stato richiesto di tenere d’occhio ciò su cui stanno lavorando i loro dipendenti diretti.

Lavorare in remoto non cambia tutto questo, ma cambia il modo in cui i gestori devono effettuare il check-in.

Nuovi processi, come i check-in giornalieri o le riunioni virtuali sostituiranno i contatti di persona, mentre strumenti tecnologici come G-Suite e Asana consentono a manager e dipendenti di visualizzare e condividere risorse in remoto e aggiornare le tempistiche man mano che le attività vengono completate.

Cinque miti sul lavoro da casa: non hanno accesso ai loro file

Non hanno accesso a tutti i loro file

Ancora una volta, non tutti i ruoli sono adattabili per il lavoro a distanza, ma saresti sorpreso di quanti lo siano.

I medici generici gestiscono le consultazioni tramite chat video, i dipendenti del call center possono rispondere alle chiamate dal proprio cellulare e gli istruttori di yoga possono tenere lezioni da qualsiasi luogo.

Con lo sviluppo della tecnologia, più ruoli possono essere svolti lavorando in remoto e lo storage basato su cloud è la pietra angolare di tutto ciò.

File e record vengono spostati su sistemi basati su cloud da oltre un decennio.

Sono più sicuri, più economici da conservare, meglio protetti da eventi naturali come incendi o inondazioni e possono essere recuperati (da personale autorizzato) da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento.

Man mano che la nostra velocità di Internet aumenta e i nostri dispositivi avanzano, è più facile che mai accedere ai file da remoto.

I team e i dipendenti non saranno in grado di comunicare così come in ufficio

I team e i dipendenti non saranno in grado di comunicare così come in ufficio

Ahh, un altro dei nostri lavori dai miti di casa.

Come l’archiviazione basata su cloud, anche i progressi tecnologici ci hanno reso più facile comunicare tra di noi in remoto.

Non solo i dispositivi sono più economici da produrre e acquistare, ma l’infrastruttura per la connessione migliora ogni giorno e come tale i modi in cui comunichiamo si stanno evolvendo.

Strumenti come Slack, Workplace, FaceTime, Skype, WhatsApp, iMessage e persino Facebook collegano persone e idee ogni microsecondo della giornata.

Indipendentemente dalla posizione, non c’è motivo per cui i team non possono comunicare facilmente durante la giornata lavorativa.

Come sempre, ci sono nuovi processi da mettere in atto ei manager dovranno forzare l’abitudine prima che diventi innata, ma ne varrà la pena.

Cinque miti sul lavoro da casa: ai dipendenti mancherà la cultura dell’ufficio

Ai dipendenti mancherà troppo la cultura dell'ufficio

Questo è complicato, soprattutto nel mezzo di una pandemia globale.

Molti dipendenti ora lavorano da remoto non per scelta, ma perché non hanno altra scelta.

Ricorda, sono i fortunati, alcuni non possono funzionare affatto.

Oltre all’incertezza di COVID-19, i dipendenti seguono nuove routine con nuove distrazioni e sfide. Potrebbero avere problemi con:

  • nuova tecnologia
  • isolazione sociale
  • infrastruttura inadeguata (come connessione Internet o dispositivi)
  • uno spazio di lavoro che non favorisce WFH

Ma quanto sopra è unico e se investi negli strumenti e nei processi per facilitare il lavoro a distanza, sarà anche temporaneo.

Grazie all’accessibilità e alla comunicazione dei dati, i datori di lavoro possono anche adottare misure per garantire che i propri dipendenti siano coinvolti e soddisfatti quando lavorano da remoto.

Pianifica incontri virtuali regolari, incoraggia i dipendenti a condividere la loro configurazione WFH o presenta le altre persone nel loro “ufficio”.

Assicurati che i manager effettuino il check-in con i loro rapporti diretti almeno una volta al giorno e discutano più del lavoro da svolgere.

Sono comodi? C’è una struttura adeguata o hanno bisogno di più risorse? Stanno bene? Quali ostacoli ci sono per loro nel portare a termine i loro compiti?

Questa è un’altra di quelle cose che non dovrebbero accadere solo perché un dipendente lavora da remoto: i manager dovrebbero farlo comunque.

Incoraggia i dipendenti a fare pause regolari, a fermarsi e dire loro spesso quanto apprezzi il loro lavoro. Ancora; se non lo stai già facendo, dovresti esserlo.

Così il gioco è fatto. Ecco i Cinque miti sul lavoro da casa sfatati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.